Pablo Software Solutions
Franco Lodato







O Contadino

O contadino fa n vita e stiente,
se sceta ogni mattina a stessa ora,
c zappa ncoppa a spalla, sincammina
parriv a terra prima c fa jiuorno.

Strada facenno, quante penzieri tne
vre e stelle, e a luna c tramonta
pe cap o tempo si buono
e st jiurnata cadda fa.

Tne a fatica ca nce supera i capilli,
n terra abbandonata, fra rusti e calavrici
nun se spaventa, se fa anema e coraggio
nce manca a forza, ma tne a volont.

Mano a mano, c o cielo, se schiarisce
accummencia a zapp a terra, c acquazzima,
cu sterba grossa, o cazone s bagnato
aspetta o sole c ladda asciutt.

Tra n zappata e nata, schiana a terra
sona a campana ncoppe o campanile
Aiza luocchi ncielo, e se fa a croce
ringrazia a Dio, p st jiurnata e sole!

St sulo, sulo dinta sta campagna
c taglia aperta, miezza massaria
o pettirosso attuorno,o tne compagnia,
aspettanno n vermezzullo frisco po mangi.

Ogni tanto, sappoggia ncoppa a stila
se sputa miezze e mane allimprovviso,
mette a capa sotto pe zapp
leva primm a scorza, e po mollica.

S fatto tardi, e o tempo vola
Tra na zappata e lata, a famma arriva
sassetta sotto a na pianta e fichi
c n vascuotto e pane e na butteglia e vino.

Continua a fatica pe tutta sta jiurnata
e vene lora c tramonta o sole,
s fatto sera e torna a casa,
tiranno e cosce appresso, miezzo acciso.

Arriva a stiento, a stiento, nnanza a porta,
fa justo a tempo a saglie n scalino,
annanzo a nu piatto e pasta e n bicchiero e vino
acala a capa e gi o suonno arriva.

Quanta preoccupazioni tne, si pure fila liscio!
Si po o Pataterno nce manna n castigo
cu lampi, tuoni, e quanno n grannuliata
guaragna a zella, a capa rotta e perde a nnata.

Lodato Francesco 28 febbraio 2005
O Vino

Vne d terra e do munno contadino,
vita l put fino a marzo
spannenno ch e turtielli sti filati:
a spallera, a barbetella e a pergolato.

A primmavera quasi accumminciata,
e pure a pota pota maggio laggia fa,
p fa spazio o sole, laria e o viento,
e p ved luva comma sta.

A verderame, laggia preparata,
e o zurfo c mantice aggio men
p tutta lestate. E vne S. Francisco,
a vennegna c panaro, c cupiello e c canisto.

Nda cantina tutto sistemato,
luva dinto e tini in ebollizione
a secco, doce e a fermentazione
si vu n bicchiere e vino bbuono.

Chiene, chiene, botti, barili e damiggiane
c torchio c cannella e c cappuccio
faticanno comme o pazzo p na semmano.
E arriva S.Martino: tutto diventato vino!

Grazie o mestiere contadino
chillo ca st in citt se po beve o vino.
Chi n bicchiere, chi n litro a pasto
e chi pe nun esager, pure tre fiaschi.

Francesco Lodato